CHIUDI

ENRICO BIANCHI



Appena bambino, viene letteralmente rapito dalla musica che suo fratello maggiore ascoltava con i primi "mangiadischi" (De Andrè, De Gregori,Tenco, Paoli, Beatles, Procol Harum, Yes, Pink Floyd, Genesis). A dieci anni, comincia  a suonare la batteria diventando, ad undici e con la sua nuova Hollywood rossa, batterista della band che era composta da cinque maturi professionisti (amici del padre). Pino Cavalleri, grande batterista, ma ancor più cantante tenore e artista di assoluta sensibilità, lo indirizza, oltre che alla batteria, anche allo studio del pianoforte e del canto. Comincia così a studiare pianoforte da un grande pianista: Lamberto Imperiali, la cui preparazione e raffinatezza si sposavano con l'eleganza del suo stile e con l'umiltà di una persona per bene. Verso i vent'anni suona con diverse band ed effettua qualche turno in quello che era il mitico Studio Lisa di Genova, nel frattempo, comincia ad appassionarsi alle tastiere e alla programmazione delle prime "drum-machine", così da inventare una postazione da one-man-band che ancora oggi gli consente di suonare da solo e senza l'uso di alcun tipo di sequenza o arranger. L'incontro con un grande artista come Mauro Culotta dà vita ad un team di lavoro che li vede impegnati per anni nei locali di tutta Italia e alla realizzazione di brani scritti da entrambi e dal paroliere Fabrizio Berlincioni. Suonano insieme per anni, collaborando con artisti di ogni calibro e ricostruendo ogni volta lo spirito della jam e dell'improvvisazione. In particolare con Marco Zoccheddu ex NUOVA IDEA. In occasione della trasmissione "Una rotonda sul mare" condotta da Red Ronnie, si ricompone lo storico gruppo degli anni '60 i GENS, ma questa volta con Enrico al posto di Filiberto Ricciardi (dedicatosi alla lirica con grande successo) e di Pippo Landro (noto produttore musicale). Con Ettore Cardullo (basso-voce), Pino Salpietro (batteria-voce), Mauro Culotta (chitarra-voce), iniziano la realizzazione di un'album che, oltre ai vecchi successi come "In fondo al viale" o "Per chi", includeva degli inediti tra i quali "Uomini, non dèi" che dava il titolo al CD e firmato da Bianchi e Culotta Prodotto da RADIO ITALIA SOLOMUSICAITALIANA e distribuito da Ricordi, porta i Gens a numerose trasmissioni televisive come : SUPERCLASSIFICA SHOW (Canale 5), BUON PO-MERIGGIO (Rete 4), UNO FORTUNA (RAI 1), VIDEOMUSIC (TMC), . nonché ospiti di Mino Reitano, Cesare Lanza e Paolo Mosca nelle loro trasmissioni e di molte radio tra le quali Radio Italia, RTL, Teleradiocity, Rai 3, partecipando alla festa "Successo Italiano" organizzata da Radio Italia al Palatrussardi, dove intervennero tutti i big della canzone italiana. Dopo tre anni di tour estivi in tutta Italia, il gruppo si scioglie e Bianchi viene contattato prima da Vittorio De Scalzi per una breve collaborazione, poi dagli EXTRA: un gruppo nato dalla scissione dell'EQUIPE 84 di Victor Soliani e composto da musicisti che in passato appartenevano a band famose come BERNARDO LANZETTI ex PFM e ACQUA FRAGILE, VANNI COMOTTI ex EQUIPE 84 e OPERA, ANDREA CERVETTO ex NEW TROLLS, FULVIO MONIERI ex EQUIPE 84. Il suo ingresso  precede quello di ALEX GIALLOMBARDO alla chitarra e ANDREA ANZALDI al basso. Dal 2003, oltre alla registrazione con gli EXTRA di un doppio CD dal vivo "EXTRA LIVE", è impegnato, per tre anni, in una trasmissione settimanale a Telegenova e nella quale compare insieme ad Andrea Cervetto e Metodio, noto pianista genovese, in due ore di diretta tra musica, ospiti e telefonate. Nel 2006 il tour estivo con gli EXTRA e con IRENE FARGO, nel 2007 tour teatrale insieme a ORME, Maurizio Vandelli, Aida Cooper e Alberto Radius. Nel 2010, rifonda i GENS chiamando a collaborare con lui nel progetto: Alex Giallombardo (chiatarra), Andrea Anzaldi (basso), John Pozzi (tastiere) e Alfredo Vandresi (batteria).



/ foto

NOME

ENRICO BIANCHI

PAESE D'ORIGINE

  ITALIA (GE)

GENERE

Pop italiano
Rock

SITO WEB UFFICIALE

http://www.enricobianchi.tv
www.myspace.com/bianchienrico